Le donne nel mondo romano

La leggendaria storia della nascita di Roma, l’inizio del grande Impero Romano, il cui sviluppo sarà condizionato da due fattori fondamentali – l’influenza greco-alessandrina e la diffusione del cristianesimo – inizia, neanche a dirlo, con uno “stupro etnico”: il ratto delle Sabine.

Il ratto delle Sabine – Giambologna (particolare)

Le cose non andarono a migliorare, e anche se gli storici sostengono che la donna che viveva secondo i mores latini e lo ius romano godeva, all’interno della famiglia, di un ruolo educativo ed amministrativo che le dava una discreta autorità, quelle di cui si ha notizia sono comunque mogli, amanti o figlie di intellettuali, o potenti: Cornelia, madre dei Gracchi, era figlia di Scipione l’Africano; Lelia e Ortenzia erano figlie di famosi oratori, la poetessa Sulpicia, che frequentava il cenacolo letterario di Massala Corvino insieme a Tibullo e Ovidio, era figlia di Servio Sulpicio Rufo e poi Clodia-Lesbia, l’ amante di Catullo, e Corinna, amante di Ovidio. Plotina, imperatrice filosofa, moglie di Traiano, Servilia, figlia di un console, accusata di pratiche di magia e condannata a morte da Nerone, Cleopatra, regina d’Egitto amante di Cesare e Antonio, Elvia, saggia madre di Seneca, Pomponia Paolina, sua seconda moglie e ancora Faustina Maggiore, moglie di Antonino Pio e Faustina Minore, moglie di Marco Aurelio, Agrippina, madre che più volte il figlio nerone ha cercato di uccidere. Insomma, tutte donne di una ristretta cerchia aristocratica, di buona cultura e cresciute all’ombra di uomini illustri.

Le fanciulle di ceto modesto potevano comunque frequentavano le scuole elementari pubbliche, quelle ricche avevano precettori privati.

Nel mondo romano comunque, così come in quello greco, il rapporto autonomo tra donne e conoscenza è mediato principalmente dalla religione che, come è tipico del paganesimo occidentale, era pubblica e radicata nella vita sociale. Profetesse, sacerdotesse, imperatrici-sacerdotesse, vergini, vedove, visionarie: la donna, per assumere un ruolo significativo in campo culturale doveva svincolarsi dalla famiglia tradizionale.

2009112620558_vestale

John William Godward – Vestale

l più famoso culto curato dalle donne fu quello di Vesta, mutuato – in forma più solenne – dalla sua equivalente greca Hestia; Le vestali tenevano acceso il fuoco sacro, nato per dare alla città una fonte continua per i focolari, e divenne ben presto un culto statale: le prime Vestali furono le figlie del re. Poi una di esse venne messa incinta da Marte, nacquero due gemelli…il resto è storia. Oltre alle Vestali che  facevano voto di castità per i 30 anni di durata del servizio,anche i culti misterici per la custodia dei morti e il culto di Cerere erano affidati alle donne; dal II secolo sec a.C. s’importa dall’Egitto il culto a sfondo erotico di Iside, malvisto dai tradizionalisti, che proponeva un immagine egualitaria della femminilità e a cui aderivano prevalentemente donne che non avevano legami familiari e straniere, ma fra i devoti si contavano anche molti uomini.

Il primo bordello legalizzato di cui si ha notizia risale invece alla fine del 500 a.C., all’epoca greca di Solone, mentre in contemporanea scompariva del tutto o quasi la prostituzione sacra, il che dimostra che infondo non è questo il “mestiere più antico del mondo”.

Con la diffusione del cristianesimo, l’atteggiamento nei confronti delle donne viene caricato dal senso di colpa legato alla presunta impurità e debolezza che segna la loro condizione. Ma attraverso il concetto di peccato si offre una via di redenzione e di sottomissione a un Autorità maschile:di fatto le donne vengono emarginate dal culto, se ne limita l’istruzione, sono escluse dal sacerdozio, e dall’insegnamento, se ne esige l’obbedienza totale: “Mulieres in ecclesiis taceant” scrive San Paolo. Se si pensa che la Chiesa nei secoli medievali sarà l’unica istituzione occidentale, si può ben coprendere il peso e il significato di queste esclusioni. Questo è particolarmente vero per l’ebraismo vetero-testamentario e per il cristianesimo medioevale (a confronto con quello bizantino), ma lo fu un po’ meno per il cristianesimo evangelico, la cui figura femminile era nobilitata da una missione morale e illuminata da esempi di donne sante e martiri, in parte mutuate dal paganesimo, prima tra tutte la complessa figura divina e umana di Maria, e le altre donne del Nuovo Testamento portatrici del messaggio divino come Maria di Magdala, Marta, la Samaritana, Elisabetta, Anna.

Francesco Hayez - Maria Maddalena

Francesco Hayez – Maria Maddalena

Per tutta la tarda antichità e l’alto medioevo la donna è stata quindi allo stesso tempo ipostatizzata dal cristianesimo ed emarginata dalla chiesa. E’ a partire dal XI secolo che si assiste a una lenta apertura delle porte della religione, della cultura e dell’istruzione alle donne, che porterà in ruoli di rilievo anche loro come mistiche teologhe, badesse.

Il rovescio dell’idea della santità femminile è però il rifiuto della diversità femminile, che viene ben

A.F. Sandys - Maria Maddalena

A.F. Sandys – Maria Maddalena

presto associata all’eresia (non furono poche le donne coinvolte nei movimenti ereticali che si formarono a partire dal II sec. d.c. come ad esempio Marcellina, seguace di Carpocrate e Filomena seguace di Apelle) e alla magia, lascito delle culture pagane. Fomentate dalla marcata misoginia di chierici e monaci, la casta culturale dell’epoca, queste idee culmineranno nella persecuzione delle “streghe”.

 

Biblio:

Storia di Roma – Momigliano-Schiavone, Einaudi 1989

Femminismo a Roma nel primo Impero – Sirago, ed. Rubettino

Aspetti e problemi della religione romana – G. Piccaluga, Feltrinelli

Medioevo greco-latino – Berschin, tr.it. Liguori

La filosofia antica – Adorno, Feltrinelli

La sindrome del Sultano – le prostitute nell’impero degli uomini – Oria Gargano, ed. differenza donna

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Viaggio tra le donne protagoniste nella storia del pensiero

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...